Maiuscola vs maiuscola

shift2

La maiuscola è fondamentale. La maiuscola è pleonastica. Non favorisce la leggibilità. Serve a separare. Dà un senso di importanza a inizio frase. Salviamola. Aboliamola.

In tanti ne fanno a meno. Word la preserva piazzandola di default dopo il punto: riesci a liberartene solo andando su Strumenti>Opzioni correzione automatica>togliere la spunta da “Inserisci la maiuscola ad inizio frase”. I tedeschi se la tengono stretta e la impiegano sistematicamente per sublimare tutti i Sostantivi. Così il Cavatappi e il Termosifone hanno la stessa patina divina del Sole e della Luna.

La maiuscola è fuori moda. La maiuscola è da libro di storia, perché furono i Romani Maiuscoli a sconfiggere i Galli, mentre i romani son quelli del vino de li Castelli e dei Bucatini all’amatriciana. I Greci fondano la filosofia, i greci mangiano tzatziki e ballano il sirtaki.

Lo scrivente ha il potere di entificare, personificare, creare un rapporto reverenziale. E non è cosa da poco. Il Papa non è il papa, e Dio non è dio. Io sono io oppure Io.

Annunci

La scoperta di Wordle



A forza di navigare mi si è presentato questo curioso generatore di nuvole. Perfetto per chi ha i pensieri impaginati in cumulonembi. È un nuovo layout mentale che supera le mappe disperse, reticolari e piene di zone bianche. Wordle tiene strette le tue parole care e le incasina come ti pare. Cambi i colori, le direzioni, i contrasti, scegli il grado di caos e il frastagliamento sullo sfondo. Wordle conosce la zavorra delle tue parole e assegna loro grandezze proporzionali, è una Virtual Machine che sa quanto insisti e quante volte ti ripeti. Ha la bellezza delle tag clouds, formatesi con Flickr e gonfiatesi in del.icio.us, e l’incanto di un indice che comprende le frequenze e le occorrenze. Ecco qui quelle di sentimentodigitale.

Ma in Wordle niente è cliccabile: ogni parola rimanda solo a se stessa. In questi tempi in cui vedo ipertesti anche nelle pozzanghere per strada, mentre decalioooooooni di pagine chiedono di essere visualizzate, la rinuncia alla linkabilità è un appiattimento tranquillizzante.

Wordle è tutto quello che si può chiedere a una nuvola, di fare quello che c’è da fare, poi di passare oltre e di lasciarti in pace.