Qual è la tua città ideale? Un test da maneggiare con cura

whos_your_city_book_cover

Who’s your City è un sito che ti aiuta a scoprire la tua città ideale attraverso alcune semplici domande. Scegli 5 città candidate e poi assegni loro un punteggio in base alle possibilità di lavoro che ti offrono, la tua vicinanza alle politiche del governo, la presenza di stimoli culturali e altre variabili del genere.

L’assunto di fondo è semplice: scegliere il posto in cui vivere è una delle decisioni fondamentali della vita. Soprattutto per chi necessita di spunti creativi. È vero: grazie alla globalizzazione puoi vivere a Madrid, lavorare on line con la Silicon Valley e avere amici in Islanda. Ma i luoghi influenzano la carriera e fanno la felicità.

Non è come i test di Facebook, che ti lasciano il beneficio del dubbio. Soffrirò davvero di delirio paranoide? Sarò davvero – nella realtà – un frigorifero? Dopo Who’s your City, una volta pervenuti al risultato, c’è poco da fare. Solo fare le valigie e trasferirsi.

Annunci

Nuovo servizio anti-nostalgia sul tuo cellulare!

palermo

Una mia amica ha avuto la gentilezza di farmi sottoscrivere un servizio SMS di cui lei si occuperà personalmente. Mi manderà dei messaggi che mi convincano a restare lontana da Palermo di volta in volta per motivi diversi. Dalle quattro righe del mio display emerge ad esempio che alla lunga mi annoierei, mi mancherebbe perfino la nostalgia. Oppure mi dice che stasera non c’è niente da fare.

E come certe notizie dal mondo ti piombano sul cellulare nel cuore della giornata e fanno uno strano effetto da cornetto e cappuccino con una spruzzata di strage islamica, così ogni tanto nel bel mezzo della pianura mi arriva voce di un pomeriggio caldo orribile, estivo precoce che brucia le mura e costringe a casa ibernati. Mi arriva voce delle risse che aumentano in via Candelai a spargere sulle strade ciottolate un alone di ghetto e da gangs in guerra.

Il servizio è gratuito. Per sottoscriverlo basta avere: un amico disponibile, un cellulare, fare le valigie, emigrare, talora morire di mancanza.