Perché la tecnologia ci rende umani

La tecnologia ci rende umani? Gianluca Nicoletti e Stefano Moriggi sostengono di sì. Rispetto alla recente dilatazione del web sulla realtà, gli autori rigettano il mito della genuinità del giorno prima. Via lo spettro di degenerazione, dunque. Gli occhiali, per esempio, si usano da una vita. E anche il volto di Padre Pio, esposto all’adorazione dei fedeli, non è altro che una reliquia in silicone.

Durante la presentazione del libro a Reggio Emilia, Gianluca Nicoletti maneggia il cellulare e riprende il pubblico, secondo un galateo straordinario autorizzato dal tema dell’incontro. Ci sono anche dei vecchi ad ascoltarlo. Investono sul futuro, o pianificano una lunga vita. Oppure preparano senza volerlo un particolare tipo di agonia senile: morire prima di sapere come andrà a finire.

“Superare il veteroumanismo incominciando a pensare con le macchine”. Forse è quello che provo a fare in questa difesa ostinata dell’umanità insieme/nonostante le nuove tecnologie.

“Il confine tra artificiale e naturale è artificiale”. Vorrei che mi tornasse in mente mentre confronto passato e presente, il filo del telefono col cavo ADSL, mentre confondo lo smarrimento epocale con la nostalgia.

5 pensieri su “Perché la tecnologia ci rende umani

  1. Che “il confine tra artificiale e naturale è artificiale” potrebbe ben dirlo Piergiorgio che quella sera poi Nicoletti se l’è visto davvero uscire dal televisore!
    Una serata con la F, fredda fascinosa fremente, io leggevo un SMS di Irene che cercava di sintetizzare l’incontro scrivendomi “Tecno e uomo alla Gabella”, così che io pensavo a una festa con musica assordante nel corso della quale la mia amica mi avrebbe presentato un uomo significativo… Perché la tecnologia, se vogliamo, ci regala spazi e tempi nuovi per essere ancora umani.

  2. Gli equivoci scatenano l’immaginazione, Silvia… E i cellulari ci prendono troppo sul serio.

  3. Ma grazie, Abdul! per me attratta dal ghiaccio a distanza, mi sembra un’ottima segnalazione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...