Le conseguenze del controllo perduto

2396386819_36f54080be

Questi rapporti estivi con amici non aggiunti – non aggiunti su Facebook – o di cui non ho neanche la mail, costringono a trovare le parole sulla punta della lingua per dire le cose giuste nel kairòs, quello che per i Greci era in una sola parola il momento opportuno. A dire tutto a voce nella versione in cui fuoriesce, senza le rettifiche del backspace. Tornano in auge gli anzi e i però, tutte le parole delle correzioni che la scrittura riletta mi risparmia. Torna a vedersi la timidezza.

Quel che è detto è detto, quel che scappa scappa. Poi si pagano le conseguenze del controllo perduto. Siamo sicuri che il web ci renda più immorali, più istintivi, solo perché costringe a opinioni a bruciapelo? Più che se scriviamo una tesi sull’argomento, ma meno che se ne parliamo nelle piazze a voce.

Anzi, però, ci prendo gusto, a parlare nelle piazze a voce. Ma adesso, ti prego, ti posso…aggiungere?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...