Giovane donna salvata da Facebook

terremoto

Metti che schizzo col portatile sotto al tavolo mentre c’è il terremoto, poi crolla il tetto di questa casa popolare e rimango protetta nella bolla d’aria tra le gambe delle sedie, con le macerie intorno. Comincio a scrivere messaggi per direzionare i soccorsi, ecco cosa faccio. Aggiorno lo status a seconda del grado di sete o di altre necessità fisiologiche. E senza cellulare in tasca sarei la prima persona salvata da Facebook, grazie agli amici on-line. La prima dispersa aggiornata in tempo reale sull’entità della scossa durante i momenti più difficili. E questo mi sembrerebbe incredibile, anche se qua e si sconvolgono a parlare di Facebook come il tramite principale della notizia della scossa, nuda e cruda.

Siccome ormai Facebook scatena l’incredulità collettiva solo a pronunciarlo, pare che le informazioni sismiche si sono sparse grazie a lui. Io mi fido ancora del prime avvisaglie cigolanti del mobile. Non ci vedo niente di rivelatore nel postare due righe sulla scossa avvertita.

E anche schizzare sotto il tavolo col portatile sotto il braccio – come or ora ho fatto mirando alla salvezza digitale – anche questo mi sembra più incredibile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...