Per Libera Scelta

210930937_050bdbcd33Non si vedono molte maiuscole, di questi tempi. Il punto ha smesso di pretenderle, visto che basta da solo a separare. La maiuscola dopo il punto è un’opzione, dipende dalla fluidità al discorso che vuoi dare, dalla fase narrativa in cui sei, dalla fretta che ti prende. La lingua perde pezzi lessicali mentre dimentichiamo le sue innumerevoli parole, ma impara nuovi toni per dare sfumature senza contenuto a questo parlarsi digitale.

Se il punto è un momento di determinazione comprensibile, l’iniziale maiuscola nel nome proprio può essere un atto di presunzione.

Anche le maiuscole vanno contrattate.

In un primo contatto via mail, chiamare l’altro col suo nome proprio correttamente maiuscolo è una questione di educazione. Ma attenzione alla firma: saper scrivere il proprio nome con la maiuscola può essere una minima attestazione di precisione, di conoscenza elementare della lingua. Può anche non durare in eterno, e a un certo punto sta a noi decidere se rinunciare per primi alla maiuscola e istaurare una grafia sbilanciata: il suo nome con iniziale maiuscola per gentilezza, il nostro minuscola per lanciare una proposta di confidenza. In questo modo lo autorizziamo a disporre liberamente, gli diamo in pasto l’iniziale del nostro nome, faccia quel che vuole.

Nelle fasi successive si valuterà l’andamento delle maiuscole fino ad attestarsi su un rapporto standard. Oppure no. Si può sempre tornare indietro, una volta dimostrata la suddetta conoscenza minima delle regole della lingua e dell’educazione e ottenuta la confidenza. Si può sempre confondere l’interlocutore con misure di carattere moderatamente schizofrenico. Magari le considererà una manifestazione di quella meravigliosa libertà che solo il web può dare.

4 pensieri su “Per Libera Scelta

  1. Usare la maiuscola è come presentarsi ad una persona porgendo la mano col palmo rivolto verso il basso, sa di presunzione. Usando la minuscola il palmo si ricolge verso l’alto, si dà forse troppo potere all’altro. Non sarebbe male introdurre la “manuscola” per esempio da usare con poca umiltà senza rischio di troppa presunzione anche se gli strumenti digitali sono ancora limitati per poterla usare…

  2. hai ragione. si potrebbe provare col maiuscoletto, ma è già troppo maiuscolo. forse è meglio il capolettera minuscolo, un font minuscolo ma più grande. la tavola degli strumenti nella posta elettronica, però, non la prevede. bisogna passare da Word, e non sempre la modifica nel corpo del carattere viene mantenuta col copia incolla.
    che fatica la dignitosa gentilezza!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...